fbpx

Insurtech - come si chiude il 2023 in Italia

Nel 2023, il mercato insurtech globale ha registrato una crescita significativa degli investimenti, raggiungendo 1,39 miliardi di dollari nel primo trimestre. Anche in Italia, il trend è stato positivo, con 80 milioni di euro investiti nel solo terzo trimestre, contro i 60 milioni dei primi sei mesi e i 50 milioni di tutto il 2020. Quali sono state le novità più rilevanti di questo settore in rapida espansione? Vediamone alcune.

Crescita disciplinata e collaborazione con le compagnie tradizionali

Una delle tendenze emerse nel 2023 è stata quella della "crescita disciplinata" delle startup insurtech, che hanno cercato di ottimizzare le proprie strategie di acquisizione e di gestire in modo più efficiente le risorse disponibili. Inoltre, le compagnie più innovative hanno abbandonato l'obiettivo di sostituirsi completamente alle compagnie tradizionali, come abbiamo già detto in precedenti articoli, per iniziare invece a collaborare con loro, offrendo soluzioni complementari o integrative. Questo approccio ha permesso di creare sinergie e di sfruttare le competenze e le esperienze di entrambi gli attori, a vantaggio dei clienti finali.

 Internet of Things e smart devices

Un altro elemento chiave per lo sviluppo dell'insurtech è stato l'uso sempre più diffuso dell'Internet of Things, ovvero dei dispositivi interconnessi in grado di scambiarsi dati e informazioni in tempo reale. Questi device, che includono sensori, wearable, smart home, smart car e altri oggetti intelligenti, sono stati utilizzati dalle compagnie insurtech per migliorare le attività di sottoscrizione delle polizze, il controllo dei costi e la gestione delle richieste di compensazione. Ad esempio, grazie ai dati raccolti dai dispositivi IoT, è possibile offrire polizze personalizzate in base al profilo e al comportamento del cliente, monitorare i rischi e prevenire le frodi, fornire assistenza e consulenza in tempo reale. In Italia, il mercato dell'IoT ha raggiunto i 110 milioni di dispositivi già a fine 2021, con una previsione di crescita ulteriore grazie ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

 Distribuzione ibrida e customer centricity

Aspetto fondamentale per il successo dell'insurtech è stato quello di adattarsi alle mutevoli esigenze e preferenze dei consumatori, che oggi richiedono prodotti e servizi più semplici, trasparenti, convenienti e accessibili. Per questo, le compagnie insurtech hanno puntato su una distribuzione ibrida, che combina i canali digitali con quelli fisici, offrendo al cliente la possibilità di scegliere il modo più adatto alle sue esigenze. Infine, le compagnie insurtech hanno messo al centro il cliente (customer centricity), offrendogli una customer experience personalizzata, basata sull'ascolto, sulla fiducia e sulla soddisfazione. Questo approccio ha permesso di creare una relazione più stretta e duratura con il cliente, aumentando la sua fidelizzazione e il suo valore.

Ma, facendo una piccola digressione, riassumiamo quali sono i passi fondamentali per applicare la customer centricity in una compagnia assicurativa:

- Raccogliere e analizzare i dati dei clienti, per conoscere le loro caratteristiche, le loro esigenze, le loro preferenze e il loro comportamento. Questo permette di offrire prodotti e servizi personalizzati e adeguati al profilo e al rischio di ogni cliente. Ad esempio, grazie ai dati raccolti dai dispositivi IoT, è possibile offrire polizze basate sull'uso, sullo stile di vita o sulle abitudini di guida del cliente.

- Ascoltare i feedback dei clienti, per capire il loro livello di soddisfazione, le loro aspettative e le loro richieste. Ad esempio, si possono usare strumenti di customer feedback management, come chatbot, sondaggi o recensioni online, per raccogliere e gestire le opinioni dei clienti.

- Ottimizzare il customer journey, per rendere il processo di acquisto e di fruizione del servizio il più semplice, veloce e trasparente possibile. Questo permette di aumentare la conversione, di ridurre l'abbandono e di creare una customer experience positiva. Ad esempio, si possono usare soluzioni di digital onboarding, di firma elettronica o di video identificazione, per semplificare le procedure di registrazione, di sottoscrizione e di verifica dei clienti.

- Essere proattivi e innovativi, per anticipare le esigenze dei clienti, offrire soluzioni di valore e differenziarsi dalla concorrenza. Questo permette di creare una relazione di fiducia, di generare valore aggiunto e di acquisire nuovi clienti. Ad esempio, si possono usare tecnologie come l'intelligenza artificiale, il machine learning o il blockchain, per offrire servizi di consulenza, di prevenzione o di gestione dei sinistri più efficienti e intelligenti.

- Collaborare con i clienti e coinvolgerli nelle decisioni, per farli sentire parte integrante dell'azienda, ascoltare le loro idee e valorizzare le loro competenze. Questo permette di creare una comunità, di aumentare l'engagement e di stimolare il passaparola. Ad esempio, si possono usare piattaforme di gamification o di social media, per coinvolgere i clienti in attività di ideazione, di feedback o di condivisione.

In Italia aziende di questo tipo sono, ad esempio, Yolo, Neosurance e Cargeas. Quest’ultima, in particolare, nasce come compagnia assicurativa tradizionale che ha intrapreso un percorso di trasformazione per adeguarsi alle nuove esigenze dei clienti. Cargeas ha lanciato una nuova offerta di prodotti e servizi, basata su una distribuzione ibrida, che combina i canali digitali con quelli fisici, offrendo al cliente la possibilità di scegliere il modo più adatto alle sue esigenze. Inoltre ha migliorato la customer experience, offrendo soluzioni di digital onboarding, di firma elettronica e di video identificazione.

Conclusioni

Il settore insurtech ha dimostrato di essere uno dei più dinamici e innovativi del panorama assicurativo, grazie all'uso delle tecnologie digitali e alla capacità di rispondere alle esigenze dei consumatori. Nel 2023, il mercato insurtech ha registrato una crescita degli investimenti e delle collaborazioni con le compagnie tradizionali, puntando su tre fattori chiave: la crescita disciplinata, l'Internet of Things e la distribuzione ibrida. Queste tendenze sono destinate a proseguire anche nel 2024, portando nuove opportunità e sfide per il settore.

Articoli correlati

Orari

 Lunedì - Venerdì
 10.00 - 13.00
 14.30 - 16.30